Buscar English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
domingo, 16 de diciembre de 2018 ..:: DOCUMENTAZIONE ::.. Registrarse  Entrar
 Benvenuti nel sito del Prado Italiano Minimizar

Gli scritti di P. Chevrier

I MANOSCRITTI DI PADRE CHEVRIER

L'opera scritta di Antonio Chevrier (1826-1879) è conservata presso il Centre spirituel du Prado, 2054 Chemin de Saint-André, 69760 Limonest, Lione. La prima cosa che balza all'occhio guardando gli archivi di Limonest, nei pressi di Lione, dove sono conservati gli scritti del fondatore del Prado è la grande mole di documenti che egli ha prodotto. Per dare l'idea della ampiezza basti dire che considerando i testi scritti da lui e dai vari copisti il totale delle pagine supera le 20.000 unità. La gran parte sono studi e contengono molte citazioni prese dal Vangelo. I diversi scritti furono tutti raccolti nel 1899 in seguito alla richiesta del cardinale Coullié, arcivescovo di Lione, in vista di essere trasmessi alla Congregazione dei Riti per introdurre la causa di beatificazione del fondatore del Prado.

LA CLASSIFICAZIONE DEI MANOSCRITTI

Gli scritti, una volta raggruppati, furono copiati e catalogati da Chambost sotto forma di tredici volumi di copie tra il 1900 e il 1903 e autenticati dal notaio ecclesiastico del tribunale lionese il 23 ottobre 1903. I titoli della classificazione ci forniscono un'idea dei principali temi studiati da don Antonio.

I Série:
Notes d'étudiant. Le note di retorica, filosofia e teologia scritte durante gli studi in seminario (1843-1850).
II Série:
Prédication (Répertoire-Notes). Contengono note di lettura su temi classificati alfabeticamente. Di 4 repertori conosciamo le date: 1847, 1849, 1852, 1857. Abbiamo anche note di predicazione fatte per l'istruzione dei ragazzi e adulti della "Città del Bambino Gesù" sull' importanza della comunione frequente (1857-1860). Troviamo anche riflessioni sulle feste della chiesa e dei santi.
III e IV Série:
Sermons. È la raccolta delle prediche nella parrocchia di Saint-André. Toccano i temi dell'anno liturgico, della preghiera e dei sacramenti, più un discorso sulla santificazione della domenica tenuto nel 1871.
V Série:
Les mystères du Rosaire. Presenta il metodo e poi commenta tutti i misteri del rosario.
VI Série:
Chemin de Croix. Passion. Lutte contre les juifs. Studi del vangelo sui racconti della passione di Gesù.
VII Série:
Catéchismes. Sono diversi lavori sui punti essenziali della dottrina cristiana.
VIII Série:
Jésus-Christ-Ses titres-Enseignements. Studi del vangelo sulla divinità di Gesù Cristo, i titoli, gli insegnamenti di Gesù Cristo e di san Paolo ai preti e ai fedeli.
IX Série:
Saint Esprit. Oraisons. Eucharistie. Messe. Examen de conscience. Vertus. Diversi temi senza un ordine logico.
X Série:
Règlements-Sacerdoce. Contiene diverse regole di vita personali e per i suoi collaboratori. Il trattato "Sacerdos alter Christus" offre delle riflessioni sul sacerdozio insieme a dei commenti del vangelo e al quadro di Saint-Fons.
XI e XII Série:
Le Véritable Disciple de Jésus-Christ. I vari schemi sono commenti della parola di Gesù: "Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua" (Mt. 16,24).
XIII Série:
Lettres. La corrispondenza di don Antonio Chevrier.

A distanza di circa sessant'anni dalla prima catalogazione fu realizzata una seconda classificazione degli scritti di don Antonio ad opera di suor Renée de Limairac. Grazie al suo lavoro, condotto per la più parte in modo giudizioso, fu possibile rinvenire anche una serie di documenti, con delle annotazioni del fondatore del Prado, sfuggiti alla primitiva classificazione e designati col termine "mini-manuscrits".

LO STATUTO FORMALE DEI MANOSCRITTI

Dal punto di vista esteriore i manoscritti presentano forme diverse: a volte sono semplici fogli di diversa grandezza, oppure bigliettini con annotazioni varie, altre volte sono fogli con grandi schemi di sintesi. Alcuni manoscritti sono i suoi quaderni, qualcuno più sviluppato, qualche altro di poche pagine. Gli archivi di Limonest contengono sia manoscritti che un certo numero di quaderni redatti da copisti. I lavori dei copisti sono dei quaderni redatti, su incarico di Padre Chevrier, dai suoi collaboratori in vista della catechesi ai fedeli e della formazione dei seminaristi. Molto difficilmente la venerazione che essi nutrivano verso di lui avrebbe consentito ai copisti di aggiungere o togliere qualcosa di loro spontanea iniziativa. Essi meritano, a nostro avviso, di essere considerati come manoscritti, poiché si tratta di documenti elaborati mentre don Antonio era ancora vivo e realizzati a partire da indicazioni e dai testi del vangelo che egli forniva e sui quali spesso interveniva apportando delle annotazioni. Quando parliamo dei manoscritti del fondatore del Prado intendiamo pertanto gli scritti di sua mano, sia fogli che quaderni, di diversa forma e dimensione, nonché i quaderni redatti dai copisti solo nella misura in cui è evidente la sua supervisione.


Syndicate   Imprimir   
 Account Login Minimizar


Registrazione
Hai dimenticato la Password ?


 Imprimir   
Copyright (c) 2000-2018   Términos de Uso  Declaración de Privacidad
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation